La storia di Federico, la musica che vince tutto

Ultimi articoli
Newsletter

Pescara | una grande passione ed amore per superare tutti gli ostacoli

La storia di Federico, la musica che vince tutto

Quando mancano assistenza e associazioni specializzate si può contare solo su se stessi: questa è la storia di Federico

di Francesco Paolo Salviani

Una foto di Federico
Una foto di Federico

Federico ha da poco raggiunto la maggiore età. La sua storia parla di un amore immenso per la musica che lo ha aiutato a superare tutti gli ostacoli che la vita gli ha posto davanti, trasformandola in un capolavoro. Ci ha palato di se in una breve intervista.

Chi è Federico? Descriviti
Sono Federico, ho da poco diciotto anni. Frequento da cinque anni una scuola di canto perché amo la musica. In tre aggettivi sono simpatico, allegro e tenace.

Oltre al canto, che altre passioni hai?
Adoro il mare, per me è spensieratezza, divertimento. Poi abitandoci vicino non ci metto nulla ad andarci per rilassarmi.

Perché hai fatto la scelta di cantare?
Perché mi piace emozionare le persone, mi piace la mia voce e lo adoro fare. Sin da piccolo ho fatto questa scelta perché mi fa sentire leggero e vivo. Consiglio a tutti coloro che hanno la mia passione di buttarsi e superare tutte le paure che ti frenano. Il canto ti aiuta! Ti aiuta a stare bene, ti aiuta a superare tutto ed a sentirti invincibile!

Cos’è per te la musica?
È tutta la mia vita! Mi fa emozionare, mi da la grinta! Grazie alla musica ho la forza per superare tutto! Mi carica, mi da la forza. Mi sento bene, il re del mondo. Non ho più paura di nulla! È allegria, felicità, forza, tenacia, coraggio. Io e la musica siamo uguali. Vivo per lei, come la celebre canzone di Andrea Bocelli. È la mia più grande passione. Ho un debito enorme con lei, la devo ringraziare tantissimo.

Quanto ti ha dato e quanto ti ha aiutato la musica nella tua vita?
Mi aiuta a superare tutte le giornate e tutte le difficoltà. Quando la ascolto parto a mille. È la mia marcia in più! Prima avevo tanta paura solo a parlare davanti ad un gruppo di persone. Da quando sono andato a scuola di canto ho superato tante difficoltà tra cui anche la timidezza e mi ha aiutato a farmi nuovi amici.

I tuoi cantanti preferiti?
Biagio Antonacci per la voce, Laura Pausini, Jovanotti per come si veste e Zucchero per il suo stile.

Il tuo prototipo di cantante ideale?
La cosa più importante è ovviamente la voce, poi lo stile nel vestirsi e nelle canzoni. Mi è poi piaciuto tantissimo il concerto di Jovanotti. Oltre alle sue bellissime canzoni mi è piaciuto come lo ha animato, non fermandosi un attimo. Si è cambiato tantissime volte e soprattutto i giochi di luci sul palco.

Il tuo mondo ideale ed il tuo sogno?
Il mio mondo ideale è cantare dalla mattina alla sera. Il mio sogno invece è fare un concerto sopra un palco magari proprio qui a Pescara allo stadio Adriatico davanti a una grande folla.

Chi ringrazieresti oggi ed un giorno magari a fine concerto sul palco?
Lilly la mia insegnante, la mia famiglia ed i miei amici. Devo a loro tutto, mi aiutano giorno dopo giorno a superare tutte le difficoltà.

Cosa significa per te vivere?
Vuol dire cantare, affrontare gli ostacoli che la vita ci pone davanti e stare con gli amici. Stare in compagnia mi fa sentire bene, felice. La mia vita ruota intorno alla mia famiglia, alla musica ed agli amici.

Cosa diresti a chi ha delle difficoltà ed è meno fortunato per rincorrere i suoi sogni?
Deve affrontare la vita, gli ostacoli che ti pone e superarli. Niente è impossibile se ci credi veramente nel profondo del tuo cuore. Io credo nella musica e di diventare un grande cantante. Bisogna essere i primi a farlo, è la marcia in più che ti puoi dare semplicemente da solo.

Venerdì 2 agosto 2013

© Riproduzione riservata

1161 visualizzazioni

Commenti
Lascia un commento

Nome:

Indirizzo email:

Sito web:

Il tuo indirizzo email è richiesto ma non verrà reso pubblico.

Commento: